RUP Ravenna

Salta ai contenuti
RUP Ravenna
 
Sei in: Home » POC » 2_POC » News » Procedimento Unico ai sensi dell’art. 53 della LR 24/2017 per l’approvazione del progetto preliminare-definitivo.

Procedimento Unico ai sensi dell’art. 53 della LR 24/2017 per l’approvazione del progetto preliminare-definitivo.

Procedimento-Unico-ai-sensi-dell-art.-53-della-LR-24-2017-per-l-approvazione-del-progetto-preliminare-definitivo

Relativo ai lavori di completamento dell'asse viario principale est-ovest da via Stradone fino a viale Europa e relativo sistema rotatorio - Ambito S1A “Stradone”. Approvazione della localizzazione dell’opera in variante alla pianificazione urbanistica con effetto di apposizione del vincolo preordinato all'esproprio e dichiarazione di pubblica utilità dell'opera.

AVVISO DI DEPOSITO ATTI.

Si comunica che, presso l’ufficio Espropri del Comune di Ravenna, con sede in Piazza del Popolo, 1, è depositato, per 60 (sessanta) giorni consecutivi decorrenti dal 24 giugno 2020, data di pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia Romagna, il progetto preliminare-definitivo dell’opera pubblica in oggetto al fine di procedere alla sua approvazione, con effetto di variante al POC ed al RUE vigenti, mediante procedimento unico in Conferenza di Servizi di cui all’articolo 53 della L.R. 24/2017. Scadendo detto termine di sabato e il giorno seguente è festivo, lo stesso è prorogato al giorno 24 agosto 2020, compreso.

Il progetto risulta inoltre integralmente pubblicato: sul sito web del Comune di Ravenna - Sezione “Amministrazione Trasparente” – “Pianificazione e Governo del Territorio”, ai sensi dell'art. 39, comma 1, lett. a), D.lgs. n. 33/2013; e in allegato al presente avviso alla voce Urbanistica dell'Area Tematica “Ambiente, Territorio e Mobilità” ai sensi dell'art.53 c.6 lett.c).

L’efficacia della determinazione motivata di conclusione positiva della Conferenza di Servizi, convocata ai sensi dell’art. 53, comma 3, LR 24/2017, che si svolgerà con le modalità di cui agli artt. 14 e ss. della legge n. 241/90, comporterà anche, ai sensi del comma 2, lett. b) e c), della medesima normativa regionale, oltre che degli artt. 11 e 15, L.R. n. 37/2002:

  • l’approvazione della localizzazione dell’opera in variante al POC (oltre che al RUE) del Comune di Ravenna con conseguente apposizione del vincolo preordinato all’esproprio e contestuale dichiarazione di pubblica utilità dell’opera.

Il progetto dell’opera comprende l'elaborato: “PIANO PARTICELLARE D’ESPROPRIO”, contenente l’indicazione delle aree interessate dal vincolo e i nominativi di coloro che ne risultano proprietari secondo le risultanze dei registri catastali.

Entro il termine sopra indicato, chiunque può, previo appuntamento (dr. Andrea Chiarini - Tel. 0544-482089, martedì e mercoledì, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 - email: achiarini@comune.ravenna.it), prendere visione della variante in oggetto presso il suddetto Ufficio Espropri, ottenere le informazioni pertinenti e presentare osservazioni, ai sensi dell’art 53, comma 8, della LR 24/2017.

Le eventuali osservazioni, da indirizzare in carta semplice al Sindaco del Comune di Ravenna, che possono essere presentate con le seguenti modalità, saranno valutate prima dell'approvazione definitiva della variante in oggetto:

  • a) Per le sole persone fisiche, esclusi i professionisti:

    1) in unica copia unitamente a copia di un documento di riconoscimento non autenticato in corso di validità, direttamente al suddetto Ufficio Espropri previo appuntamento da concordare nelle date e orari sopra indicati, o allo sportello dell'Ufficio Archivio e Protocollo del Comune di Ravenna, previo appuntamento telefonico ai nn. 0544-485108/482881, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 12.30, il giovedì pomeriggio anche dalle ore 15.00 alle ore 17.00;

    2) tramite fax al n. 0544-482390 o posta raccomandata con ricevuta di ritorno, unitamente a copia di un documento di riconoscimento non autenticato in corso di validità, indirizzata al Comune di Ravenna - Ufficio Archivio e Protocollo, 48121 – Ravenna;

  • b) Per tutti, obbligatoriamente per le imprese e i professionisti, per via telematica, inviando all’indirizzo di posta elettronica certificata del Comune di Ravenna, comune.ravenna@legalmail.it: 1) un file firmato con firma digitale di cui sia titolare il soggetto che presenta l’osservazione, da un qualsiasi indirizzo di posta elettronica (certificata od ordinaria),

    2) un file firmato con firma autografa, dal proprio indirizzo di posta elettronica certificata le cui relative credenziali di accesso siano state rilasciate previa identificazione del titolare ai sensi dell'art. 65 co. 1, lett. c-bis, Dlgs 82/2005, oppure tramite posta elettronica ordinaria, allegando, in questo caso, copia di un documento di identità non autenticato in corso di validità. Ogni messaggio inviato alla casella di PEC del Comune di Ravenna deve essere scansionato in formato PDF o PDF-A. e non deve superare i 5 MB.

Si precisa che la presente pubblicazione tiene luogo della comunicazione individuale con riferimento ad eventuali proprietari risultanti dai registri catastali ma irreperibili, assenti o deceduti, ai sensi dell’art. 19, commi 1 e 2, della L.R. n. 37/2002, ed è effettuata ai sensi dell'art 53, comma 6, lett. b), LR 24/2017, oltre che agli effetti dell'art. 56, L.R. n. 15/2013.

Il Responsabile Unico del Procedimento è l’ing. Anna Ferri, dirigente del Servizio Strade (Tel. 0544-482820).

Per informazioni di carattere tecnico sui contenuti della variante la referente è la geom. Rita da Ros del Servizio Strade (Tel. 0544-482706).

Il Responsabile del Procedimento espropriativo è il dr. Andrea Chiarini del Servizio Appalti e Contratti (Tel. 0544-482089).

Il ruolo del Garante della Comunicazione e della Partecipazione, previsto dall'art. 56, L.R. 24/2017, è svolto dal relativo Ufficio appositamente costituito, coordinato dall'arch. Raffaella Bendazzi del Servizio Progettazione e Gestione Urbanistica (Tel. 0544-482997), coadiuvata, per gli aspetti espropriativi, dal dr. Andrea Chiarini.

IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO - DR. ANDREA CHIARINI